Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Il Manifesto
di Michele Giorgio

Ecco profilarsi un'altra guerra. Israele sapere di essere pronto ad attaccare l'Iran. Ieri il ministro della difesa Barak ha detto che il momento dell'attacco si fa «sempre più vicino giorno dopo giorno».



CONTRO L'IRAN - Anche gli Usa e l'Italia (base di Decimomannu) d'accordo?
Israele pronto all'attacco
Netanyahu, Barak e Lieberman hanno deciso: sta cedendo l'opposizione dei comandi militari

Sulle pagine degli esteri dei giornali di tutto il mondo ieri c'era il rilancio della colonizzazione israeliana (2000 nuove case a Gerusalemme est) come risposta del governo Netanyahu all'accettazione della Palestina tra i membri Unesco. Non sorprende. E' un tema di eccezionale importanza. Ha però nascosto il clima di guerra imminente che ormai si respira nella regione. Netanyahu e il ministro della difesa Ehud Barak hanno deciso di attaccare militarmente l'Iran.
Lo scrivono da giorni i quotidiani locali che ieri hanno anche riferito una notizia che riguarda molto da vicino l'Italia. L'aviazione israeliana sta completando l'addestramento per un attacco da portare ad un obiettivo a grande distanza (le centrali iraniane?) usando anche la base Nato di Decimomannu (Sardegna). L'ultima fase dell'esercitazione in Italia, scriveva ieri Haaretz, si è svolta la scorsa settimana, con il convolgimento di sei squadroni di cacciabombardieri e ha riguardato il combattimento, il rifornimento in volo e il monitoraggio delle stazioni radar.
Notizie che non fanno altro che accreditare le indiscrezioni sulla preparazione dell'attacco alle centrali iraniane chiesto con forza da Netanyahu con l'appoggio di Barak. I due partner di guerra stanno facendo tutto il possibile per raggiungere la maggioranza in seno al gabinetto di sicurezza (7 ministri), necessaria per dare il via libera al raid aereo. Nei siti nucleari iraniani, secondo Israele e Stati uniti, Tehran intenderebbe produrre non solo energia atomica ma anche quanto serve per assemblare ordigni atomici. L'Iran ha sempre respinto questa accusa e ha esortato la comunità internazionale a svolgere indagini in Israele, l'unico paese della regione che possiede segretamente, secondo esperti internazionali, almeno 200 bombe atomiche. Tra i ministri che appoggiano Netanyahu c'è anche quello degli esteri e leader ultra-nazionalista Avigdor Lieberman che ieri ha denunciato l'Iran come «il principale pericolo per la stabilità dell'ordine mondiale»: «Il mondo deve prendere decisioni e far rispettare le sanzioni contro la banca centrale iraniana. La comunità internazionale deve interrompere gli acquisti di petrolio dall'Iran».
Non siamo ancora all'ultimatum ma poco ci manca. Il rapporto dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea), che verrà reso noto l'8 novembre, sarà decisivo per le scelte di Israele. Almeno questo è quanto lasciano capire gli stessi leader politici israeliani. Quanto gli Usa in questa fase siano sulla stessa lunghezza d'onda di Netanyahu e Barak è difficile decifrarlo. Barack Obama però non ha mai escluso l'opzione militare contro Tehran e il segretario alla difesa Leon Panetta sull'argomento è molto meno prudente del suo predecessore Robert Gates. Washington però non vuole attacchi a sorpresa e Panetta, durante il suo recente viaggio in Medio Oriente, ha ottenuto dal governo Netanyahu ampie assicurazioni. Vuol dire che i due paesi attaccheranno insieme, magari con la collaborazione di qualche alleato arabo? Ipotesi non infondata.
Che la guerra si sia fatta più vicina lo dice anche la resistenza più debole che oppongono all'attacco i comandanti delle forze armate e dei servizi segreti, ossia coloro che, secondo quanto aveva riferito venerdì scorso su Yediot Ahronot uno dei giornalisti israeliani più noti, Nahum Barnea, più di altri si sono schierati con forza contro le intenzioni di Netanyahu. Ora cominciano a cedere sotto le pressioni del premier dopo aver sottolineato per mesi le conseguenze devastanti che avrebbe il raid contro le centrali iraniane, peraltro inutile perché servirebbe a rinviare di poco i programmi di Tehran.
In Iran, naturalmente, seguono con attenzione ciò che si discute in Israele e nella Repubblica islamica non manca chi lancia avvertimenti pesanti come macigni. Il capo di stato maggiore, generale Hassan Firouzabadi, ieri ha minacciato di «far rimpiangere un simile errore» a Israele e messo in guardia anche Washington. «Se il regime sionista ci attaccherà, saranno colpiti anche gli Stati uniti», ha detto. L'Iran appare in grado di rispondere ad un blitz delle forze aeree israeliane con il lancio di decine, forse di centinaia di missili balistici verso il territorio dello Stato ebraico. Tehran inoltre potrebbe sferrare un'offensiva contro gli alleati arabi degli Stati uniti mettendo a ferro e fuoco l'intero Medio Oriente. Ha anche la possibilità di bloccare lo stretto di Hormuz paralizzando il trasporto marittino del greggio con effetti devastanti per le economie occidentali.
Condividi post
Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: